Home News Cinema & cultura Via dalla pazza folla – la recensione

Via dalla pazza folla – la recensione

0

No Banner to display

Adattamento filmico dell’omonimo romanzo di Thomas Hardy, Via dalla pazza folla racconta la tormentata vita amorosa di Bathsheba Everdene (Carey Mulligan), una ragazza di campagna a cui un’eredità inaspettata cambia la vita: divenuta fattrice di una grande tenuta, Bathsheba è libera di controllare la sua vita e le sue finanze (fatto inedito all’epoca) e di decidere se e con chi sposarsi. I pretendenti non le mancano: dal pastore Gabriel Oak (Matthias Schoenaerts) al vicino di proprietà William Boldwood (Michael Sheen) fino al seducente sergente Francis Troy (Tom Sturridge). Saprà la giovane ragazza fare la scelta più oculata per vivere felicemente “via dalla pazza folla” nell’idillico contesto agreste inglese?

Gli appassionati di adattamenti letterari e film in costume non hanno molta scelta tra le uscite recenti e quindi daranno una chance anche a questo film. Nonostante i nomi importanti coinvolti (su tutti il raffinato regista Thomas Vinterberg), il film sbaglia protagonista, con una Mulligan incapace di restituire la vitalità e la malizia innocente del personaggio e quando si prende libertà dalla fonte originale, banalizza il contenuto del romanzo. Per fortuna almeno Matthias Schoenaerts è un Gabriel Oak ineccepibile.

Via dalla pazza folla sarà nei cinema italiani a partire dal 17 settembre.

Dimmi la tua...