Home News In the box Hammamet, cerimonia per l’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi

Hammamet, cerimonia per l’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi

0

No Banner to display

HAMMAMET – Si è svolta questa mattina al cimitero cristiano di Hammamet la cerimonia di commemorazione per il 19esimo anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, leader dell’allora Psi. “Grande è stata la partecipazione tanto del popolo tunisino quanto di cittadini italiani che sono accorsi numerosi, come del resto accade ormai ogni anno da 19 anni, da ogni parte d’Italia per rendere omaggio al compianto leader socialista – dice Salvatore Di Bartolo, che era presente all’appuntamento – Vecchi compagni socialisti, gli amici di sempre, e poi tanta gente comune, uomini e donne che non hanno mai smesso in questi anni di dimostrare il loro affetto e la loro vicinanza alla signora Anna, ai figli Stefania e Bobo, e alla famiglia tutta”.

Prosegue Di Bartolo: “Con la voce rotta dall’emozione la senatrice forzista prende la parola nel corso della cerimonia per porgere i propri ringraziamenti a quanti hanno voluto prender parte alla cerimonia: “Sento di rivolgere un sincero ed affettuoso grazie a tutti coloro i quali hanno voluto essere qui quest’oggi a recitare una preghiera o posare un garofano rosso sulla tomba di mio padre. La vostra presenza ci onora e ci riempie d’orgoglio”. Roma, Milano, Verona, Napoli, la Romagna, le Marche, la Calabria. Gli italiani quest’anno ad Hammamet rappresentano ogni angolo del bel Paese”.

E non poteva di certo mancare qualcuno che rappresentasse la terra di origine della famiglia Craxi, ovvero la Sicilia e nello specifico la comunità di San Fratello che lo scorso 14 settembre ha rivolto il proprio tributo alla famiglia Craxi con l’intitolazione di una piazza e il conferimento della cittadinanza onoraria alla figlia Stefania. A partecipare alla cerimonia è stato proprio il promotore di quella iniziativa, Di Bartolo, giunto in Tunisia con una delegazione di amici e conterranei. “Una grande emozione – è il suo commento – Essere qui oggi è per me motivo di grande orgoglio. Ed è un onore esserci, ad omaggiare un grande statista ed un uomo che tanto si è speso per il nostro Paese. A colpirmi è stata sopratutto la massiccia presenza di giovani affascinati dalla carismatica figura dell’ex premier e segretario del Psi. E proprio dai noi giovani deve partire quel doveroso processo di revisionismo storico sulla figura di Bettino Craxi”. Un pensiero va infine al popolo tunisino: “un sentito ringraziamento per l’accoglienza e il calore che ci hanno riservato. Mi pare doveroso segnalarlo in un periodo così turbolento come quello che stiamo vivendo in questi mesi. L’auspicio è che si possa aprire una nuova stagione di pace nella regione mediterranea. Ed il ricordo va proprio all’idea di Italia di Bettino Craxi, un grande paese che sia in grado di guidare i popoli dell’area mediterranea verso una nuova era di progresso, giustizia sociale e stabilità. Onore a te Bettino, ultimo grande statista italiano” conclude Di Bartolo.

Dimmi la tua...