Home News Lifestyle Varesotti ricicloni: producono meno di 450 chili di rifiuti l’anno

Varesotti ricicloni: producono meno di 450 chili di rifiuti l’anno

0

No Banner to display

rifiutiVARESE – I varesotti differenziano i rifiuti, sempre di più. Bilancio positivo per la raccolta, come sottolinea con soddisfazione il presidente provinciale Gunnar Vincenzi, che al contempo assicura l’impegno del suo ente per raggiungere obiettivi ancora più importanti in ambito italiano, dove Varese ed il Varesotto già sanno dare l’esempio.

Partiamo dal dato più significativo che vede la Provincia di Varese attestarsi al 63 per cento di raccolta differenziata nel 2013. Possiamo però già anticipare che tale soglia è stata migliorata nel corso dell’anno appena concluso. Tornando ai numeri contenuti nel report mi preme mettere in evidenza che quella di Varese è la 18′ provincia nel panorama italiano per “Raccolta differenziata” e rientra nell’eccellenza delle 43 province italiane che producono meno di 450 kg/ab di rifiuto totale all’anno. A livello regionale ci collochiamo al secondo posto per percentuale di raccolta differenziata ed al quarto per produzione annua di rifiuto totale. Inoltre il nuovo Piano regionale di produzione rifiuti, approvato nell’estate appena trascorsa, ha fatto proprio il Modello omogeneo di gestione rifiuti già delineato dal nostro Osservatorio Provinciale, per raggiungere il 67% di raccolta differenziata e una produzione di rifiuto totale inferiore ai 450 chili per abitante entro il 2020, nel territorio lombardo. Partendo da questi numeri consolidati credo che il traguardo del 67 per cento sia alla nostra portata. Provincia di Varese lavorerà al fianco dei Comuni che oggi non hanno ancora raggiunto il 63% per comprendere le problematiche e migliorare il dato percentuale.

Seppure in un momento di difficoltà economica e di tagli alla spesa per l’Amministrazione pubblica, la gestione rifiuti deve continuare ad essere innovata: il raggiungimento di maggiori performance garantisce infatti l’abbattimento delle sacche residue di inefficienza e porta all’ottimizzazione dei costi, oggi più che mai necessaria. Infine vorrei ringraziare i tecnici per l’ottimo lavoro svolto e tutti i cittadini della provincia, poiché grazie alla loro sensibilità e attenzione nella gestione domestica dei rifiuti ci consentono di essere una provincia modello.

13012015

Dimmi la tua...